Moneta:

 
Barolo Paiagallo 2013 DOCG Giovanni Canonica

Barolo Paiagallo 2013 DOCG - Giovanni Canonica

49,00 €
Pieno, verticale, elegantemente austero, ricco, vigoroso, bilanciato, lunghissimo, dotato di una bevibilità coinvolgente e appagante. Serve aggiungere altro?

CANTINA: Giovanni Canonica

REGIONE: Piemonte

NAZIONE: Italia

DENOMINAZIONE: Barolo DOCG

UVAGGIO: Nebbiolo 100%

ANNATA: 2013 – annata ottima

GRADAZIONE: 14%

 

DESCRIZIONE PRODOTTO

Vista: rosso scarico con sfumature che preannunciano note aranciate.

Olfatto: frutta matura, viola, rosa, spezie, terra, sottobosco, cuoio, balsamico

Gusto: vigoroso, bilanciato, tannini nobili e ben integrati, freschezza marcata. Sorso vivo, netto, lunghissimo.

Il piccolo cru Paiagallo, con un suolo mediamente argilloso e un’età media delle viti di 20 anni, ha un’estensione di circa 1,5 ettari ed è situato al centro della collina che sovrasta il borgo di Barolo. La vinificazione avviene nel modo più naturale possibile. L’uva “fa il suo percorso” senza alcun tipo di intervento e manipolazione. Anche le operazioni in cantina sono il meno invasive possibili. La vinificazione con lieviti indigeni dura 30/40 giorni in contenitori neutri senza alcun tipo di controllo tecnologico. Una volta effettuata la malolattica (in genere in primavera-estate) il vino affina in botti grandi da 20 ettolitri per 2 anni. 

LA CANTINA

Quali sono i segreti di Giovanni Canonica? Nessuna tecnologia, nessun fronzolo, nessuna propensione all’artifizio. Un paio di botti grandi, qualche damigiana qua e là. Un Barolo che racconta il territorio da un’altra prospettiva, fatta di carattere e passione che si riversano in pieno nel vino.

In vigna il lavoro è il meno invasivo possibile. Le piante più vecchie hanno circa trent’anni, le più giovani la metà. La resa per ettaro si attesta intorno ai 70 quintali, non c’è concimazione e l’erba cresce libera tra i filari prima di essere interrata. La vendemmia viene fatta a Ottobre.

In cantina la fermentazione avviene in acciaio, cemento o vetroresina e dura da trenta a quaranta giorni proprio come la macerazione. Il vino riposa fino alla malolattica, dopodiché il Barolo matura in botti grandi di legno. Durante la vinificazione non c’è controllo delle temperature, sono banditi i prodotti di sintesi e l’uso della solforosa è ridotto al minimo essenziale. Secondo Canonica non ci sono “annate migliori o peggiori”, ciascuna annata ha qualcosa di unico da raccontare per chi è disposto ad ascoltare. L’approccio di questo vignaiolo, che si definisce tradizionalista e allo stesso tempo agisce da anticonformista in questi tempi omologati e industrializzati, è sotto ogni punto di vista il più naturale possibile. 

EVOLUZIONE

Grandi potenzialità evolutive, un vino che “si può dimenticare in cantina” se si vuole gustarlo al suo apice. 

SERVIZIO

Stappare la bottiglia due ora prima di servirla. Suggeriamo di decantarla appena prima di berla a una temperatura di 18°-20° in calici molto ampi.

Recensioni

Nessuna recensione disponibile per questo prodotto.

Contattaci

  •  

    Via Matteotti n.15,

    26013 Crema (CR), Italia

  •  

    (+39) 320 328 1994

    (+39) 338 541 7999

  •  

    info@winecalling.com

Pagamenti

Questo sito internet utilizza i file cookie. Continuando ad utilizzare questo sito internet acconsentite ad utilizzare i nostri file cookie. Più informazioni